Caratterizzazione nano

NANOPARTICELLE E NANOFLUIDI

TEC Star è in grado di fornire a tutti suoi clienti un completo servizio di caratterizzazione delle principali caratteristiche di nanoparticelle e di nanofluidi (sospensioni di nanoparticelle organiche o inorganiche in mezzo liquido), per un’analisi di controllo qualità sia in fase di produzione che di fornitura (consigliata soprattutto per materie prime provenienti dal Far East).

Questa attività è rivolta principalmente a tutte le aziende utilizzatrici o produttrici di nanomateriali, nanocompositi e sospensioni, ma anche a tutte le imprese che desiderano verificare la presenza di nanoparticelle nei manufatti.

L’attività di caratterizzazione segue, dove presenti, le normative internazionali esistenti (UNI, ISO, ASTM) e fornisce ai richiedenti un documento tecnico con informazioni sulle seguenti caratteristiche delle nanoparticelle:

DIMENSIONE, CHIMICA, CRISTALLOGRAFIA

La conoscenza delle morfologia dei nanomateriali (forma, dimensioni) e la composizione chimica (superficiale e massiva), sono di fondamentale importanza per determinarne il comportamento.
TEC Star è in grado di fornire un servizio di certificazione completa dei nanomateriali (nanoparticelle, nanotubi, nanoclay), sia da un punto di vista morfologico (forma, distribuzione in dimensione, diametro medio particelle) che chimico (composizione superficiale con determinazione di eventuali funzionalizzanti chimici, composizione media di bulk, presenza di contaminanti) che cristallografico (fasi cristalline presenti).
Come esempio delle informazioni ottenibili utilizzando le strumentazioni a disposizione di TEC Star, di seguito è riportata una scheda con case history:

Caratterizzazione di nanomateriali >>> vedi case history

DIAMETRO IDRODINAMICO, POTENZIALE ZETA

La stabilità è una delle proprietà più importanti di una sospensione di solido in liquido; le modalità per influire su questa grandezza sono numerose, ma la più semplice è modificare la carica elettrostatica delle particelle (agendo sul pH), influenzando il cosiddetto potenziale Zeta.
La strumentazione messa a disposizione dei clienti di TEC Star è in grado di determinare il potenziale Zeta di dispersioni di particelle sub-micrometriche e di stabilirne il diametro idrodinamico (tenendo conto anche di eventuali modifiche chimiche superficiali delle particelle stesse), sfruttando l’interazione della sospensione con un fascio luminoso laser (Dinamic Light Scattering – DLS).
Sfruttando le potenzialità dello strumento (nel pieno rispetto delle normative ISO) è possibile per esempio: validare l’efficacia di agenti stabilizzanti (polimeri, tensioattivi, ecc.), caratterizzare sospensioni nuove provenienti da attività di R&D interna o forniture esterne, capire la causa di problemi legati alla stabilità di sospensioni al variare delle condizioni di conservazione (precipitazione, flocculazione, aggregazione, ecc.)
Per caratterizzare in modo opportuno le sospensioni analizzate (determinare viscosità e indice di rifrazione), sono presenti un viscosimetro rotazionale e un rifrattometro di Abbe a corredo dello strumento principale; tali strumentazioni sono a disposizione dei clienti di TEC Star, per eseguire analisi puntuali su prodotti specifici (lubrificanti, detergenti, ecc.).
Come esempio di cosa è possibile ottenere utilizzando le strumentazioni a disposizione di TEC Star, di seguito è riportata una scheda con case history:

Diametro idrodinamico e potenziale Zeta >>> vedi case history